Progetto “Quattro Borghi”

Progetto "Quattro Borghi"

Grande successo di pubblico alla presentazione dl progetto di marketing turistico “Quattro Borghi, emozione autentica”, svoltasi sabato 17 marzo nella “Sala Eventi”, nel Complesso di Santa Caterina di Finalborgo, nell’ambito del “Salone dell’agroalimentare ligure”.
Il progetto prevede la creazione di un’unione tra i comuni di Noli, Finale Ligure e Borgio Verezzi per coordinare le singole attività promozionali e di intrattenimento e metter in campo una comune azione volta all’individuazione e soddisfazione di nuovi target turistici, assistendo e favorendo inoltre l’interazione degli operatori economici che operano nel settore turistico, commerciale e agricolo del comprensorio.
A tale scopo le giunte dei tre comuni hanno già siglato un primo accordo di programma.
Alla conferenza stampa sono intervenuti Nicola Viassolo, Assessore al Turismo del Comune di Finale Ligure, Ambrogio Repetto, Sindaco di Noli, Renato Dacquino, Sindaco di Borgio Verezzi, Lorenzo Carlini, Presidente dell’Associazione Albergatori di Finale Ligure, e Federico Alberto, dello Studio Wiki, che ha curato la parte dedicata alla comunicazione.
“Attraverso la realizzazione del marchio “Quattro borghi” – ha dichiarato Lorenzo Carlini – ci si propone di tutelare e migliorare l’immagine del territorio e la qualità dei servizi di ospitalità a garanzia della tipicità del prodotto offerto. Uno dei veicoli attraverso i quali viaggerà il marchio “Quattro Borghi” potranno ad esempio essere le piante e erbe aromatiche del nostro territorio”.
Obiettivo del marchio “Quattro Borghi” è la promozione e valorizzazione turistica di un territorio che in un breve tratto di costa riunisce tre borghi appartenenti ai “borghi più belli d’Italia” (Noli, Finalborgo e Verezzi) e Varigotti, di cui è universalmente nota la bellezza e peculiarità, valorizzando altresì le enormi potenzialità dell’Altopiano de Le Manie, le grotte di Borgio e le altre emergenze di questo territorio, non precludendosi nel contempo di coinvolgere anche i comuni dell’immediato entroterra, a partire da Calice Ligure, Rialto, Orco Feglino e Vezzi Portio.
L’orizzonte di riferimento proposto è quello dei prodotti turistici più evoluti come quello della Provenza o del Trentino, capaci di attrarre flussi turistici durante tutto l’anno.
Le prime azioni che saranno intraprese vedranno l’acquisto di tre bus (da 20 posti ciascuno) che collegheranno i quattro borghi attraverso un percorso passante per l’altopiano de “Le Manie”.
E’ stata anche presentata una prima bozza del logo dell’iniziativa, per ora nella sua versione neutra: si vuole infatti partire da subito con il coinvolgimento attivo della cittadinanza, chiedendo a tutti gli attori potenzialmente interessati di esprimere la loro preferenza tra una serie di differenti colori e dall’esito di questo sondaggio scaturirà il simbolo definitivo e ufficiale dei “Quattro Borghi”.

Credits Edinet - sRealizzazione Siti Internet Savona